Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Archivio

6 settembre 2010 1 06 /09 /settembre /2010 18:20

Anno 2008: 5.012 fotografie

Anno 2009: 5.388 fotografie

Anno 2010: 6.469 fotografie

 

Mio marito è malato e di anno in anno peggiora!

 

Ed ecco il frutto dei suoi infiniti click e della mia certosina e sfiancante selezione per il blog!

 

Dopo l'atterraggio all'aeroporto di Francoforte, anzichè prendere subito il treno per Trier, abbiamo fatto una piccola deviazione per passare almeno qualche ora in città.

 

francoforte01.jpg

Così grande e moderna non è decisamente il nostro genere, ma quel poco che siamo riusciti a vedere non ci è dispiaciuto.

 

Io ho apprezzato il Romerberg per via delle case a graticcio:

 

francoforte02

 

Anche se si tratta di edifici ricostruiti dopo i bombardamenti della seconda Guerra Mondiale, li trovo molto carini!

 

Di fronte, le facciate medioevali del Romer (ma anche qua di originale è rimasto ben poco), il municipio di Francoforte:

 

francoforte03.jpg

 

Poi abbiamo gironzolato in cerca di quel poco di veramente antico che offre la città, come il giardino archeologico con le fondamenta delle terme romane e di un castello carolingio:

 

francoforte05.jpg

 

Carina anche la Hauptwache:

 

francoforte04.jpg

 

Bellissimi i corvi incontrati durante la passeggiata sul lungofiume per tornare in stazione:

 

francoforte06.jpg

 

Mai visti corvacci così grandi

 

Giunti a Trier abbiamo fatto una spiacevole scoperta: proprio nei tre giorni centrali del nostro soggiorno la città avrebbe ospitato una tappa del mondiale di rally, sport che ci è lontano anni luce e che ha riempito il centro di spalti e palchi, non il massimo per delle foto ricordo

 

Ecco il davanti della Porta Nigra:

 

trier01.jpg

 

E il retro:

 

trier02.jpg

 

Mi ha veramente impressionata, è imponente e bellissima, sia dentro che fuori!

 

A proposito del rally, che ha portato in città tantissimi appassionati e altrettanto rumore, ci ha anche dato l'ennesima dimostrazione dell'organizzazione e della precisione dei tedeschi: il rally è finito nel tardo pomeriggio di domenica, il lunedì mattina all'ora di colazione la città era già stata completamente pulita e "liberata"  Se non ricordo male, Genova quando la Samp vinse lo scudetto mostrò i postumi dei festeggiamenti per una settimana buona!!

 

Tornando a Trier, un pò di foto veloci a cominciare dal Markt:

 

trier03

trier04.jpg

 

Le terme imperiali:

 

trier05.jpg

 

Con i corridoi sotterranei conservati incredibilmente bene:

 

trier06.jpg

 

L'anfiteatro:

 

trier07.jpg

 

Scorci molto carini:

 

trier08.jpg

 

E vicoletti deliziosi:

 

trier09.jpg

 

Il caratteristico quartiere dei pescatori:

 

trier10.jpg

 

E il bel lungofiume:

 

trier11.jpg

 

trier12.jpg

 

Nei cinque giorni trascorsi a Trier ci siamo spostati solo una volta per visitare la stupendissima Saarburg:

 

saarburg01.jpg

 

A soli 20 minuti di treno da Trier, è attraversata dal torrente Leuback che, proprio nel cuore del paesino, forma delle cascatelle:

 

saarburg02.jpg

 

Francy, cosa ti ricorda?

 

saarburg03.jpg

 

In alto le rovine della fortezza:

 

saarburg04.jpg

 

Da cui abbiamo ammirato questo bellissimo paesaggio sulla Saar:

 

saarburg05.jpg

 

La Mosella è stata la protagonista assoluta dei nostri successivi 9 giorni tedeschi: ridete pure, ma mi sono veramente affezionata a questo fiume

 

Come base abbiamo scelto la piccola, ma centralissima e per questo comodissima, Bullay:

 

bullay01.jpg

 

L'appartamentino mansardato che avevamo affittato in primavera, all'arrivo si è rivelato essere una piccola casetta indipendente, davvero una bella sorpresa, con vista sul fiume:

 

bullay02.jpg

 

Bullay, pur non avendo attrattive turistiche, è davvero molto carina e splendidamente tenuta:

 

bullay03.jpg

 

E' stato bellissimo vivere in mezzo a così tanto verde, quando sarò una pensionata tedesca non  mi dispiacerebbe affatto passarci le estati! E direi che piace molto anche alle anatre...

 

bullay04.jpg

 

bullay05.jpg

 

E ai cigni...

 

bullay06.jpg

 

bullay07.jpg

 

E ci sono anche le streghe

 

bullay08.jpg

Soggiornare in due posti così diversi è stato un pò come fare due vacanze

 

Di fronte a Bullay c'è un paesino ancora più piccolo:

 

alf01

 

Ma che mi ha fatto subito sorridere, come farà sorridere tante mie amichette virtuali, guardate un pò come si chiama:

 

alf02

 

Alfine, vi pensavo ogni giorno

 

Sopra ad Alf, quindi di fronte a Bullay, c'è Burg Arras, eccolo, fra le nebbie mattutine, fotografato dalla nostra casetta:

 

burgarras01.jpg

 

La giornata che abbiamo trascorso nei dintorni di Bullay è stata sicuramente una delle più belle! Una lunga passeggiata nei boschi...

 

burgarras02.jpg

 

...senza incontrare nessuno...

 

burgarras03.jpg 

  ...ed ecco il castello:

 

burgarras04.jpg

 

Piccolo, poco importante, ma davvero tanto bello:

 

burgarras05.jpg

 

Da lì abbiamo proseguito lungo il crinale della collina fino ad arrivare alla torre panoramica:

 

burgarras06.jpg

 

Che ci ha regalato questo panorama, una delle infinite anse della Mosella:

 

burgarras07.jpg

 

E poi ancora oltre, fino al Marienburg:

 

burgarras08.jpg

 

Il castello protagonista della vacanza è stato senza dubbio Burg Eltz. Però, dopo l'ennesima, bellissima passeggiata nei boschi...

 

burgeltz01.jpg

 

...all'arrivo abbiamo avuto una brutta sorpresa: lavori in corso

 

burgeltz02.jpg

 

Peccato, peccato davvero!!

 

burgeltz03.jpg

 

Ma resta comunque un castello da fiaba:

 

burgeltz04.jpg

 

A Koblenz è andata anche peggio: da aprile a ottobre di un altr'anno la città ospiterà non so qualche mega fiera di orto qualcosa. Attualmente è un cantiere, alcuni musei sono chiusi, ecc, inoltre abbiamo beccato un tempo infame... e se lo dico io che adoro la pioggia potete immaginare quanta ne è venuta giù quel giorno! Proprio da non poter camminare!!

 

Ecco la piazza del Rathaus:

 

koblenz01.jpg

 

Qualche graticcio:

 

koblenz02.jpg

 

La Schangelbrunnen (se qualcuna conosce la storia legata al monello che sputa me la può raccontare? Ci è rimasta questa curiosità!):

 

koblenz03.jpg

 

Ed eccoci al punto più famoso di Koblenz, il Deutsches Eck, dove la Mosella  (a sinistra) confluisce nel Reno:

 

koblenz04.jpg

 

Da lì, approfittando di un attimo di riposo di Giove Pluvio, abbiamo preso la funivia per arrivare alla Festung Ehrenbreitstein, una delle più importanti fortezze d'Europa...

 

koblenz05.jpg

 

...e invece ci siamo trovati nel "nulla":

 

koblenz07.jpg

 

Tutto chiuso per lavori!! Per fortuna il panorama ha ripagato gli 8 euro (a testa!) della salita!

Da notare l'enorme differenza di colore fra la Mosella e il fangoso Reno Anche a Lione eravamo rimasti impressionati dello stacco fra la Saona e il Rodano, ma niente di così netto e diverso!

 

koblenz06

 

Giove Pluvio si è vendicato per i tanti accidenti tirati a Koblenz e ad Alken ci ha presentato il conto

 

Alken è uno dei tanti graziosissimi paesini sulla Mosella:

 

alken01.jpg

Ormai sapete quanto sia fissata con i graticci, mi bastano due travi e sono innamorata:

 

alken02.jpg

 

Anche qui una lunga e verde passeggiata...

 

alken03.jpg

 

...per arrivare a Burg Thurant, l'unico castello a torri gemelle di tutta la Mosella, ma...

 

alken04.jpg

 

...era chiuso!!! Un cartello sul massiccio portone spiegava che quel giorno il castello non apriva causa pioggia In effetti al mattino, fra le 6 e le 8, era piovuto parecchio, ma in quel momento c'era quasi costantemente il sole!! Ce l'ho messa tutta, mi sono attaccata alla catena che penzolava di fianco al portone facendo suonare una campana penso medioevale (devo dire che è stata una bella sensazione) e ho letteralmente implorato il tizio che ci ha aperto (non so perchè, ma nei casi di emergenza - tipo con un tassista a Parigi - il mio cervello sputa fuori tutto quel poco di francese e di inglese che so!). Lo stavo convincendo, ne sono sicura, ho visto nei suoi occhietti la pena per quei due poveri turisti che il giorno dopo non avrebbero potuto tornare perchè già in volo verso l'Italia... gli ho visto cambiare espressione... so che ci avrebbe fatto fare un breve giro, magari solo nel cortile... ma all'improvviso lo sguardo è andato a sinistra, ha visto spuntare altri due turisti e scusandosi ha detto che non poteva ed è rientrato   


Questa volta il panorama non ci ha ripagati abbastanza!

 

alken05.jpg

 

Fra i tanti, il paesino a cui diamo il podio è la piccola Beilstein:

 

beilstein01.jpg

 

La chiamano...

 

beilstein02.jpg

 

..."la perla adagiata lungo la Mosella"...

 

beilstein03.jpg

 

...e siamo perfettamente d'accordo!

 

beilstein04.jpg

 

Con un'altra scarpinata nel verde...

 

beilstein05.jpg

 

...siamo arrivati alle rovine della fortezza di Metternich:

 

beilstein06.jpg

 

Con l'immancabile panorama

 

beilstein07.jpg

 

Al secondo posto, ma direi che se la giocano, Bernkastel-Kues, per me un vero paradiso:

 

bernlastelkues01


 

bernlastelkues02 

 

bernlastelkues03.jpg

 

 

bernlastelkues04.jpg

 

 

Con le rovine della rocca di Lahnshut...

 

bernlastelkues05

 

...e panorama

 

bernlastelkues06

 

Cochem è il centro più famoso e turistico della Mosella:

 

cochem01.jpg

 

Bello...

 

cochem03

 

...ma anche molto affollato...

 

cochem02.jpg

 

I più simpatici erano loro

 

cochem04.jpg

 

Il Reichsburg è un gioiello!

 

cochem05.jpg

 

Panorama verso sud...

 

cochem07.jpg

 

...e verso nord...

 

cochem08.jpg

 

Al castello abbiamo assistito allo spettacolo del falconiere: odio lo sfruttamento degli animali, ma eravamo lì e abbiamo ceduto alla curiosità da turista E devo ammettere che è stato bello, il falconiere sembrava volere proprio bene ai suoi rapaci e spero non fosse solo un gran attore! Comunque ecco a voi i bei pennuti:

 

cochem15.jpg

 

cochem16.jpg

 

cochem17.jpg

 

cochem18.jpg

 

cochem19.jpg

 

cochem20.jpg

 

E Rufus, il protagonista assoluto

 

cochem13.jpg

 

cochem09.jpg

 

cochem10.jpg

 

cochem11.jpg

 

cochem12.jpg

A Cochem abbiamo preso la seggiovia che porta alla Pinnerkreuz. La salita è stata tranquilla...

 

cochem21.jpg

 

...il panorama bello...

 

cochem23.jpg

...ma la discesa è stata una delle peggiori esperienze della mia vita! Non soffro di vertigini, anzi, ma quella pendenza mi ha davvero fatto tremare le ginocchia!!

 

cochem22.jpg

 

Altri paesini piccoli e carini, come Winningen:

 

winningen01.jpg

 

winningen02.jpg

 

Ediger-Eller:

 

edigereller01.jpg

 

edigereller02.jpg

 

E Traben-Trabach, l'unico da cui ci aspettavamo molto di più!

 

trabentrabach02.jpg

 

trabentrabach01.jpg

 

E dopo tanti pennuti, un pò di pelosi

 

gatti02.jpg

gatti01.jpg

 

gatti03.jpg

 

gatti04.jpg

 

gatti05.jpg

 

gatti06.jpg

 

gatti07.jpg

 

Un micio nella vetrina di un negozio

 

gatti08.jpg

 

E lui è Baffino, lo vedevamo tutti i giorni a Bullay, così gli abbiamo dato un nome

 

gatti09

 

gatti10.jpg

 

E, salvo imprevisti o improbabili ripensamenti, fra meno di 11 mesi la nostra nuova Germania sarà Heidelberg...

 

preheidelberg01

 

...e Miltengerg

 

premiltenberg01


baci11.gif

Repost 0
4 settembre 2010 6 04 /09 /settembre /2010 10:25

argl.gif

 

Il 4 settembre è arrivato, ma nonostante il tantissimo tempo a disposizione non sono riuscita a terminare gli asini della Vautier

Ho ricamato soltanto l'alfabeto, l'arbusto in basso a sinistra, zampe posteriori, coda e parte del culetto dell'asino più piccolo, quindi la fine è ancora molto lontana

Peccato, ma non mollo, amo questo ricamo e la tela che sto usando, finirò quando finirò, anche se facilmente succederà il prossimo anno, una volta terminati i vari SAL in corso...

 

Approfitto del post per segnalarvi la bellissima iniziativa di Barbara, di Fili di parole: il CAT, cioè Cucito A Tappe, andate a dare un'occhiata

 

Poi provo a ricordare l'esistenza dell'altro mio blog, quello dedicato esclusivamente alla segnalazione dei SAL in partenza:

 

insalatadisal

 

Purtroppo non ha avuto il "successo" in cui speravo, per niente L'estate di certo non aiuta, ora che siamo a settembre vediamo come va, lo tengo in vita ancora qualche mese per vedere se decolla, altrimenti amen

 

E per finire, sempre in attesa delle foto delle vacanze, una foto mattutina di Pallina:

 

Pallina06

 

La cuccia, come vedete, è quella della Ikea a forma di fiore: volevo prenderla da un sacco di tempo, frenata da mio marito che la vedeva scomoda per i mici  Durante l'ultima visita mi sono stufata, l'ho presa e basta e, come al solito, Fabio ha dimostrato di ragionare troppo da umano e poco da felino 

Se avete dei pelosi, gatti o piccoli cani, e sapete quindi quanto costano le cucce nei negozi di animali, fateci un pensierino: se non ricordo male, questa costa 12.90, ottimo rapporto qualità-prezzo!

 

E siccome stamattina in sala c'era anche Gas, una fotina anche per lui

 

Gastone10

Repost 0
3 settembre 2010 5 03 /09 /settembre /2010 11:40

Quest'anno, sapendo che nella seconda parte della vacanza avremmo dovuto prendere il treno ogni giorno, sono partita con ben cinque libri, ma i paesaggi erano così belli che sono riuscita a leggerne soltanto tre.

 

Il primo è stato "Una giornata nell'antica Roma" di Alberto Angela:

 

06

 

Suo padre e l'ispettore Derrick erano i miei idoli quando ero ragazza, anzi, non ho mai smesso di ammirarli! E sono contenta che almeno per il primo la storia continui con il figlio: mi piace in televisione e mi è piaciuto anche come scrittore. Un libro semplice, ma coinvolgente, interessante e molto piacevole. Mi hanno fatto molto riflettere i confronti con i tempi moderni, inoltre averlo letto nei giorni trascorsi a Trier (scelta voluta) mi ha fatto appassionare ancora di più alle varie visite ai siti archeologici della città, terme, anfiteatro, Porta Nigra, ecc.

 

Gli altri due libri letti sono della stessa autrice, Brigitte Giraud, che ho scoperto grazie alle recensioni fatte da una mia coetanea su YouTube. Per primo ho letto "E adesso?":

 

07

 

Un librino di appena 76 pagine, ma di un'intensità incredibile, che racconta il mio grande terrore, quello di sopravvivere a mio marito. Però la protagonista ha un figlio di 8 anni e un figlio ti obbliga ad andare avanti...

Ovviamente la vedovanza è il grande terrore di molte, ma sono consapevole di vivere questa paura in maniera troppo quotidiana e malsana. Non è bello pensare alla morte ogni giorno, ma è anche vero che è bello averne paura: si spera in essa quando la vita non va bene, quando soffriamo troppo. Quando era così stavo peggio di adesso. Se ora la temo vuol dire che la vita è bella

Comunque sconsiglio questo libro (molto bello) a chiunque abbia delle angosce o delle fragilità!

 

Infine ho letto "Un anno molto particolare":

 

08

 

Che mi è piaciuto di meno. Molto profondo e scritto benissimo, ma è per questo che l'ho trovato incongruo con la narrazione fatta in prima persona dalla protagonista, una 17enne lionese che per sei mesi va a vivere a Lubecca come ragazza alla pari. Inoltre non vi ho ritrovato la Germania e i tedeschi che conosco io. Ho comunque intenzione di comprare anche "L'amore è sopravvalutato", piccola raccolta di racconti, l'unico altro libro dell'autrice tradotto in italiano.

 

Ma ora ho già ripreso "Ritorno a Ford County" di Grisham, di cui prima di partire avevo letto i primi due racconti.

 

libri06.gif

Repost 0
2 settembre 2010 4 02 /09 /settembre /2010 12:55

hello13.gif

 

Vacanza finita, si ritorna all'ovile, quest'anno con più contentezza per via della casa nuova 

 

Sono state due settimane molto belle e altrettanto piene, abbiamo visitato tanti posti e fatto le solite migliaia di foto, non ho ancora avuto il coraggio di sfogliare le varie cartelle!! Lo farò a breve, così potrò anche scegliere quelle da postare nel blog, ma nel frattempo comincio con il post degli acquisti beauty, sono già in ritardo

 

Prima della partenza sono andata in centro soltanto una volta facendo un solo acquisto, ovviamente da MAC, il mio primo technakohl liner, colore Uniform:

 

 

090

Primo piano della punta per rendere omaggio alla beltà di questo verdone con pagliuzze dorate:

 

091

Acquisti tedeschi anche in Italia In Germania ci sono alcune catene analoghe alla nostra Acqua & Sapone che, oltre ai marchi internazionali a basso costo (Maybelline, Max Factor, ecc), vendono i numerosi marchi tedeschi a bassissimo costo, come Catrice, U.M.A., P2, Essence, ecc. In Italia, per quanto ne so, arriva solo quest'ultima che viene venduta all'Oviesse e alla Upim, ma non in tutti i punti vendita. A Genova, per esempio, pur avendo tre OVS e tre Upim, Essence si trova solo all'Upim di Sestri Ponente Bene o male ogni mese ci faccio un giretto e ho sempre trovato l'espositore Essence spoglio, un pianto! Invece a inizio mese il miracolo: espositore straboccante e anche mini-espositore con i prodotti della collezione Return to Paradise In attesa di capire se si sono dati una regolata o se, invece, è stata solo fortuna di capitare nel momento giusto, ho comprato diverse cosette:

 

089

 

Della linea permanente ho preso il mascara No Limits; due duo di ombretti, l'Ever Glam e il Summer Flirt; lo smalto No more drama; tre kajal, Hola chica, Cool breze e Teddy; infine il long lasting eye pencil Touch of glam.

 

Mentre della collezione Returno to Paradise ho preso:

 

088

 

La shimmer powder Famous Flamingo, il trio di ombretti Cockatoo e il gloss violetto senza nome (o almeno io non lo trovo).

 

Ehm, da notare che tutte queste cose mi sono costate quanto il solo mascara di Chanel preso a maggio, anzi, qualche centesimo in meno

 

Ultimissimo acquisto fatto prima della partenza, la mia abituale acqua termale della Avène:

 

092

 

E veniamo ai tantissimi acquisti tedeschi... Quest'anno ho comprato davvero molte cose, non solo beauty e make-up, ma anche di abbigliamento e ben tre paia di scarpe. In teoria penso sia strano che un'italiana ami fare shopping di vestiario in Germania, ma nella pratica lì c'è molta scelta per le taglie forti, cose di buona, se non di ottima qualità a prezzi più bassi rispetto  all'Italia: e non mi riferisco a Elena Mirò, ma all'Oviesse!!!

 

Tornando agli acquisti beauty, ecco cos'ho preso:

 

093

 

Vari prodotti della Alverde, marca eco-bio venduta in esclusiva nella catena DM. Balsamo anticaduta alla caffeina, latte corpo al tè verde e al gelsomino, crema corpo alla mandorla e alla rosa, crema anticellulite al limone e al rosmarino, crema mani alla rosa e all'olivello spinoso, burro corpo al karitè e alla macadamia e infine due saponette, rosa selvatica e pompelmo-limone.

 

094

 

Sempre della Alverde, prodotti per il viso: latte dertegente e detergente a risciacquo alla rosa selvatica, creme anti-età alle bacche di goji, sia da giorno che da notte, crema per pelli sensibili al jojoba, due contorno occhi, alla passiflora e per pelli sensibili.

 

Quattro prodotti della Alterra, altra marca eco-bio venduta però nella catena Rossmann:

 

095

 

Shampoo mandorla e jojoba, e poi latte detergente, detergente a risciacquo e contorno occhi della linea all'orchidea. Il contorno occhi lo avevo preso anche l'anno scorso, davvero ottimo!

 

Altri tre prodottini che avevo scordato di inserire nelle precedenti foto 

 

096

 

Crema mani e burro cacao alla calendula della Alverde e burro cacao alla camomilla della Alterra.

 

Come vedete, una marea di cose! E mi sono trattenuta solo pensando all'aereo e al peso del bagaglio!! In Italia i prodotti buoni con ottimi inci sono difficili da trovare e, quando si trovano, costano Alterra e Alverde, invece, hanno costi ridicoli, nessuno dei prodotti che ho preso ha superato i 3.45 euro, la maggior parte l'ho pagata 2.25 Una vera ingiustizia

 

E veniamo agli acquisti make-up, dove la questione economica si abbassa ulteriormente perchè, sempre non superando mai i 3.45, certe cose costano meno di un euro, come le matite occhi! Però, mentre per lo skin-care in Germania si possono comprare prodotti ottimi sotto tutti i punti di vista a prezzi bassissimi, nel trucco certe cose valgono il poco che costano, ma con simili cifre ci si può anche permettere di toppare

 

Ecco la mia lunga carellata, partendo dalla Essence:

 

102

 

Catrice:

 

101

 

U.M.A.:

 

098

 

P2:

 

099

 

 

Alverde (quindi prodotti bio):

 

100

 

 

MYN:

 

103

 

La MYN è la linea giovane lanciata da pochi mesi dalla Maybelline. Nata per le ragazzine, nessun prodotto supera i 4 euro e quello che ho provato mi è sembrato molto valido. Però in Italia ancora non si vede, una cosa veramente assurda, anche perchè i prodotti sono made in Italy!!

 

Alla DM ho trovato anche uno scaffale con svariati accessori per il trucco, molto funzionali, molti mi avrebbero fatto comodo, ma mi sono limitata a questo praticissimo porta rossetti:

 

097

 

Dalla foto non si nota molto, ma la fila posteriore è più alta, davvero molto comodo!

 

Anche quest'anno non ho trovato l'ampia scelta in cui speravo degli smalti Essie, solo tanti rossi e tanti rosa, come l'anno scorso a Goslar. Purtroppo non c'erano i bellissimi color glicine di cui mi ero innamorata on-line, l'unico colore particolare era il 698, Mink Muffs, mi piace molto:

 

104

 

Infine, avendo comunque risparmiato quasi la metà di quello che avevamo previsto di spendere (amo la Germania anche per questo!!), ieri all'aeroporto di Monaco mi sono concessa due chicche, lo smalto Paradoxal della collezione autunnale di Chanel:

 

105

 

E una Shimmer Brick Compact di Bobbi Brown, marca americana non distribuita in Italia (bel mistero anche questo):

 

106

 

Negli ultimi anni ho sbavato centinaia di volte vedendo le foto di queste palette on-line, così quando all'andata ho visto il loro stand in aeroporto (l'anno scorso non c'era ancora) mi sono precipitata a provarle sul dorso della mano e nel volo da Monaco a Francoforte continuavo a rimirarne i bagliori meravigliosi! E adesso la Pink Quartz è mia

 

arrivederci02.gif


Repost 0
17 agosto 2010 2 17 /08 /agosto /2010 20:13

 

aereo.gif

 

Anche quest'anno è finalmente arrivato il momento della partenza: domattina alle 6.35 decolliamo dal nostro micro-aeroporto per Monaco, da lì secondo volo per Francoforte, e quindi treno fino a Trier

Le previsioni del tempo sono a dir poco infami, ma - come ormai sapete - io amo l'autunno e la pioggia, quindi sono ben felice di partire con una sola maglietta a maniche corte

 

Tornerò con le solite millemila foto, chissà se quest'anno mi ci metterò anch'io

 

In attesa di quelle ho pensato che in queste due settimane di assenza avrei potuto farvi conoscere il posto dove vivo e lavoro: Pegli, nell'estremo ponente genovese, eccola qua, vista dal mare:

 

pegli 

Come vedete, pur essendo solo un quartiere, è simile a tanti paesini e paesoni della Liguria, stretti fra il mare e i monti...

 

estate2

Quindi se a sud c'è il mare...

 

estate1

 

A nord si sale subito nel verde...

 

monti1

 

Abbiamo le caprette...

 

monti2

 

I laghetti...

 

monti4

 

E lassù spesso anche la neve...

 

monti3

 

Mentre in basso è cosa rara vedere i fiocchi, per cui è rimasta memorabile la clamorosa nevicata del 2005...

 

neve1

 

 

neve2

 

 

neve3

 

 

neve4

 

neve5

 

 

neve6

 

 

neve7

 

lnvece con le mareggiate siamo generosi, almeno una all'anno non ce la facciamo mancare...

 

mareggiata1

 

mareggiata2
E certe sono state spaventose...

 

mareggiata3

 

mareggiata4

 

A Pegli c'è del verde anche fra le case (per me non abbastanza!), lo spazio più bello è senza dubbio il parco di Villa Durazzo Pallavicini e questo è l'angolo più famoso...

 

parco1

 

Penso che questo scorcio sia visibile in tutti gli album di matrimonio pegliesi e naturalmente noi non facciamo eccezione

 

parco2

Quando cala la sera si hanno i colori più belli...

 

tramonto2

 

Perchè i tramonti sul mare sono unici...

 

tramonto1

 

Poi arriva la notte sul lungomare...

 

notte1

 

E anche alla finestra della nostra camera da letto

 

notte2

 

 

ciao01

Repost 0
16 agosto 2010 1 16 /08 /agosto /2010 19:22

girasole05

 

Primo giorno di ferie

 

Avrei tanto voluto dormire come un ghiro, ma lo stomachino di Gastone alle 8 ha deciso che non ce la faceva più

 

A parte questo, è stata proprio una giornata piacevole con escursione nell'entroterra e ottimo pranzo al ristorante in compagnia di mio marito (ovvio) ed entrambi i nostri paparini

 

E' bellissimo poter fare le cose con calma, soprattutto al mattino, è una cosa di cui riesco a godere troppo raramente, non ha prezzo!

 

Al ritorno sono anche riuscita a finire la quarta tappa di questo SAL, eccola:

 

sunflowerinn04

 

Così si completa la parte centrale del ricamo, ancora due tappe ed è già finito

 

Prima della partenza mi restano stasera e domani per crocettare, mi dedicherò agli asini della Vautier che sto facendo per il SampleRAT: al momento sono riuscita a ricamare solo l'alfabeto e l'arbusto piccolo a sinistra, quindi di sicuro sforerò la data di scadenza, il 4 settembre, ma sono davvero contenta, anche in questo caso ho scelto colori un pò insoliti, niente bianco per la tela e niente bordeaux per il filato, ma vi lascio con la curiosità fino  alla fine

 

arrivederci07.gif

Repost 0
13 agosto 2010 5 13 /08 /agosto /2010 17:45

coucou02.gif

 

Questa notte su Genova si è scatenato un temporale con la T maiuscola: alle due del mattino io e mio marito correvamo da una stanza all'altra per chiudere le finestre, poi ho cercato di restare sveglia il più possibile per godermi quei tuoni meravigliosi! Quanto mi piace la pioggia

 

Adesso è tornato il sole, ma l'aria si è abbastanza rinfrescata, tanto da farmi venire voglia di ricamare anche dopo pranzo. E così ho finito la seconda tappa di questo SAL (organizzato da Valentina):

 

neighborhood02

 

Adoro le casette LHN!! In particolare per le finestre "all'inglese", una mia passione fin da quando ero ragazzina: da qui la scelta della nostra camera da letto, per via dell'armadio

 

Quindi anche questa tappa è andata; adesso mi butto sulla quarta del SAL "Sunflower Inn", al momento ho ricamato solo qualche fogliolina, ma conto di riuscire a finire entro martedì: finalmente il momento più atteso dell'anno sta arrivando, da lunedì siamo in ferie e mercoledì si parte!

 

E in questo momento pare che a Trier ci siano solo 19°

 

arrivederci02.gif


Repost 0
5 agosto 2010 4 05 /08 /agosto /2010 20:54

Domando ed esclamo: tutte e due le cose perchè quando ho visto la foto che cugina Barbara mi aveva allegato all'e-mail mi si è davvero scaldato il cuore

 

Sono i nostri cugini pelosi, Nutella e Piccolo Mo, che trovate anche qua, qua, qua, qua e adesso qua:

 

MoNutella01

 

Un capolavoro della natura... e della fotografa!! Grazie Titta

 

buonanotte04.gif

Repost 0
4 agosto 2010 3 04 /08 /agosto /2010 15:57

04

 

Pensavo che lo avrei finito a ridosso della partenza, invece - una volta terminato lo studio di Trier e della Valle della Mosella (quante cose che avremo da vedere!!) - ho letteralmente divorato "L'ombra del tuo sorriso". Mi è piaciuto molto, tolta la questione del "miracolo" e il finale troppo "e vissero felici e contenti", tipico dell'autrice, questo romanzo mi è sembrato bello e avvincente come i primi scritti da Mary Higgins Clark. Amo la suspance che questa donna riesce a creare e il suo modo di raccontare le storie coinvolgendo tutti i personaggi, non solo i protagonisti. E mi piace la sua eleganza, un pò d'altri tempi

 

A due settimane esatte dalla partenza, scelgo John Grisham:

 

05

 

"Ritorno a Ford County" è perfetto perchè non si tratta di un romanzo, ma di una serie di racconti: non riuscirei mai a finire un libro prima del 18 e non voglio nemmeno partire con un libro già letto per metà, in aereo sono importanti anche gli etti, soprattutto in preventivo degli acquisti tedeschi

 

Un libro di racconti è l'ideale, così arrivo dove arrivo per poi riprendere al ritorno

 

libri01.gif

Repost 0
3 agosto 2010 2 03 /08 /agosto /2010 15:02

birdhouse001

 

Devo dire che invertire la A con la T è stata proprio una buona idea: la A è piccola, superveloce da fare anche per me che sono una lumachina con l'ago in mano! E così, con il mese di agosto beatamente ridotto, sono proprio contenta di essermi già tolta una scadenza

 

birdwatcher08 

Intanto a Genova è tornato l'odiosissimo caldo-umido: si muore!!! Questo mentre la stanchezza galoppa e la mente è intasata perchè c'è una decisione importante da prendere

Non vedo l'ora di partire, di poter archiviare tutto per due settimane, sogno un isolamento completo e se io e mio marito avessimo una lingua in comune oltre all'italiano, gli chiederei di usare quella!

Quando si dice... essere alla frutta

Repost 0

Etichette