Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Archivio

25 aprile 2011 1 25 /04 /aprile /2011 19:23

04

 

Il brutto periodo purtroppo va avanti: la bella notizia è che mio suocero  sta recuperando molto bene, ma è ancora in ospedale e quindi la vita continua ad essere stravolta e più stancante del solito.
La gamba di Fabio ha una situazione poco chiara che richiede ulteriori accertamenti.
Ciliegina sulla torta, siamo entrambi cotti con tosse, raffreddore, mal di gola e febbre

Ricamo poco e leggo ancora meno: la decina di pagine del pre-notte si riduce spesso a quattro, a volte anche due, poi do ascolto agli occhietti che mi chiedono pietà

Però sono riuscita a recuperare, e quindi a finire puntualmente, il secondo romanzo letto con il gruppo di lettura Brice's House
Per me è stato anche il primo romanzo di Jane Austen.

Credo di aver già scritto più volte di non essere romantica, motivo per cui ho completamente snobbato questa scrittrice per buoni 40 anni di vita. Ma d'estate la programmazione diventa scarsa anche su Sky, non solo sui canali terrestri. Le novità, sia di film che di telefilm, sono poche, e così l'estate scorsa mi ero "ridotta" a guardare la mini-serie prodotta dalla BBC attratta unicamente dall'attore protagonista, lui:

 

colin.jpg 

Invece, a sorpresa, ero rimasta molto coinvolta, mi erano piaciuti storia e luoghi e mi ero ripromessa di leggere anche il libro ed è stato così che sono approdata al GdL.

Il libro mi è piaciuto. E qui ci metto un bel punto perchè voglio che questo sia chiaro. Mi è piaciuto, ma ci sono dei però...

Non riesco proprio a considerarlo un capolavoro. E' sicuramente molto ben scritto e mi ha sorpresa scoprire in fase di lettura che la Austen aveva solo 19 anni quando lo ha scritto. Come sempre quando affronto un romanzo datato, temevo fosse una lettura pesante, invece è semplice e divertente, ma non vi trovo quella genialità che ho spesso sentito attribuire all'autrice. In certi casi si arriva proprio all'esaltazione

A me sono piaciute le descrizioni di personaggi e luoghi, davvero ben fatte, ma tolto questo trovo che la storia sia molto banale, con troppi pettegolezzi, troppo balli, troppe melensaggini e con finale assolutamente scontato. La trasposizione televisiva è più intrigante.

Ma su tutto mi ha infastidito come denaro e condizione sociale siano le condizioni che danno o meno valore a un personaggio. E se questo è compatibile con i pensieri di una 19enne dell'epoca, una lettrice della nostra epoca dovrebbe tenere presente l'emancipazione che per fortuna abbiamo conquistato senza arrivare alla delirante esaltazione sopra citata.

Dickens sì che ha ben descritto la società inglese di quel periodo, mentre "Orgoglio e pregiudizio" descrive solo i sogni di una ragazzina in attesa del "buon partito".

Detto ciò, ripeto che il libro mi è piaciuto, è scorrevole e piacevole, e leggerò volentieri gli altri romanzi della Austen con il gruppo

Condividi post

Repost 0

commenti

Assyrianspirit 04/27/2011 19:50


Dai dai, tengo le dita incrociate per te!!
Anche qui le condizioni metereologiche sono alquanto ballerine, ma non demordiamo, tra poco, si spera, rimarranno solo le belle giornate!


Laura 04/27/2011 19:36


Io non sono mica riuscita a finirlo, sai? Mi chiedevo come mai non ne ricordavo la storia, visto che ricordo che anni e anni fa l'avevo letto...forse perché come questa volta non sono riuscita a
leggerlo!!!!
In bocca al lupo per tutto..


Gorgoglio 04/26/2011 14:57


Aspettavo con ansia il tuo post in merito a questo libro, presto anche io dovrò affrontare i libri di JA con il GDL. Un abbraccione


rosa 04/26/2011 13:12


che dire non leggo libri ma come dici tu a volte un libro tradotto in versione televisiva è più intrigante altre volte però è l'esatto contrario quindi bene leggere e vedere un film!!!
p.s. anche io ricordo l'attore con il famoso maglione di mamma con le renne però devo dire che è sempre sexy!!!!:P


Laura 04/26/2011 12:25


Ciao, sono Laura una nuova iscritta al gruppo di lettura. Non vedo l'ora di iniziare a leggere " Le amiche del venerdì sera" Ci sarai?


Etichette